CARLA FERRONI

giovedì

8

maggio 2014

0

COMMENTS

Oggi voglio raccontarvi di Tama Akarada, una donna di Timia molto motivata

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Eventi, Le donne di Timia, Novità, nuove, Senza categoria, Stili di vita

Tama Akarada

Un’altra storia vera raccolta fra le donne che aderiscono al progetto Timia, di cui sono diventata sostenitrice dall’inizio di quest’anno.

Tama ha 27 anni. È sposata con un giardiniere e ha quattro figli: tre maschi di 9, 7 e 4 anni e una femmina di 2 anni.

Con il primo ciclo di formazione Tama ha imparato ad usare la macchina da cucire e attualmente riesce a realizzare vestiti molto semplici per donne e bambini che vende a 500 CFA ciascuno (meno di 1 euro).

Il suo problema maggiore è il taglio, che per il momento non è riuscita ad imparare. Grazie alla buona collaborazione fra le beneficiarie, viene aiutata dalle altre per questo.

Tama compra le stoffe al mercato di Agadez, oppure da rivenditori della Nigeria quando arrivano nel villaggio di Timia. In tutto riesce a guadagnare 15000CFA al mese.

È molto motivata e interessata al proseguimento del progetto e pensa che sei mesi siano un tempo sufficiente per imparare a realizzare vestiti secondo la moda attuale africana.

Secondo Tama si potrebbe effettuare la formazione in due fasi di tre mesi e dando vita a un gruppo femminile di auto-aiuto.

Avete visto che bei colori e che stampe meravigliose?

Mi auguro sinceramente che Tama riesca nel suo intento e l’idea di potere aiutare lei e le ragazze come lei con un piccolo sforzo, è una grande soddisfazione. Forza Tama e forza a tutte le donne africane!

 

venerdì

2

maggio 2014

0

COMMENTS

Maggio inizia col freddo? E noi ci copriremo!

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Novità, nuove, Primavera/Estate, Senza categoria, Stili di vita

Piumino Carla Ferroni

Tempo pazzo, primavera che fa le bizze? La risposta è sì, fra tifoni, pioggia e sbalzi di temperatura davvero siamo indotte a pensare  di essere ripiombate in inverno. Speriamo che il maltempo si dissolva in fretta e ci riporti a pensieri di sole, caldo e… vacanza!

Comunque una soluzione c’è e anche io, come molti colleghi del resto, ci ho pensato quando ho progettato la nuova collezione 2014

Per far fronte al clima in continua evoluzione anche la moda si è ripensata tenendo conto che si può passare nel giro di poche ore da 25° a 10° e noi dobbiamo essere pronte a fronteggiare il freddo e il vento abbiamo il dovere di rimanere sempre eleganti e comode. Poi comunque si viaggia in lungo e in largo, ci siamo quindi abituate a prevedere ogni situazione e ogni possibile variazione.

Ecco perché dilagano, letteralmente, i nuovi piumini leggeri da portare sempre con sé, ripiegabili e addirittura da conservare nella borsa e usare in caso di necessità. Con un paio di jeans, ma anche su un abito o una gonna se occorre, sono corti, abbastanza aderenti, ma duttili e versatili, da portare proprio con tutto! Un capo tradizionalmente invernale si è trasformato per vestire a adattarsi ad ogni clima con raffinatezza e nonchalance.

Che ne dite, riusciremo ad affrontare la più pazza delle primavere? Io dico di sì!

martedì

29

aprile 2014

0

COMMENTS

A spasso con la storia. Dedicato alle vere appassionate di moda!

Written by , Posted in Senza categoria

Mostra per blog Carla Ferroni

 

Sarà inaugurata il prossimo 7 maggio e proseguirà fino al 19 ottobre nella Villa d’Este di Tivoli. Il titolo è «La Nuova Moda tra Cinquecento e Seicento», pochi pezzi esposti, ma veramente speciali!

La mostra presenta una ventina di dipinti e altrettanti abiti, a cui si aggiunge una ricca selezione di stoffe e tessuti originali del Cinquecento e del Seicento. Si potranno ammirare velluti cesellati, damaschi bicolore, rasi, lampassi, insomma, un’occasione imperdibile per raccontare l’evoluzione della moda e del costume in Europa a cavallo di due secoli, ammirando la sontuosità e la ricchezza dei modelli un tempo indossati dalle principesse.

Preziosi costumi di scena contemporanei, ideati e realizzati dalla famosa Sartoria Farani contribuiranno a descrivere un lungo pezzo di storia del cinema e del teatro in Italia. I quadri comprendono alcuni ritratti provenienti da collezioni pubbliche e private, tra cui quelli della Galleria Estense e del Museo Civico di Modena, dell’Accademia Nazionale di San Luca, del Castello Odescalchi di Bracciano, oltre che del Palazzo Chigi in Ariccia, di Palazzo Venezia, Palazzo Corsini e del Palazzo Ducale di Mantova.

Saranno esposte sia figure maschili sia femminili. Per la donna si ammireranno soprattutto gonne e corpetti dalle maniche arricciate e voluminose, con collo e spalle rigorosamente esposti; per l’uomo i vestiti avranno soprattutto tagli attillati. Durante il Rinascimento italiano, il secolo che esalta la bellezza, la cultura e l’armonia, dominerà uno stile ricercato e ridondante, mentre nella seconda parte del Cinquecento, con l’avvento della Controriforma, anche l’abito diventerà più austero e molto meno appariscente di prima. Con l’avvento del Seicento, inizia lento, ma inesorabile il declino dell’Italia e della sua egemonia sulla moda. Nei ritratti del Seicento i nobili vestiranno alla francese o alla spagnola e la moda italiana dovrà aspettare qualche secolo per tornare a dominare la scena!

 

 

giovedì

24

aprile 2014

0

COMMENTS

Fiori, macchie di colore, fantasie e che l’arte ci accompagni!

Written by , Posted in Senza categoria

Carla Ferroni 24 aprile

Voglia di energia, per ricominciare a guardare il futuro con entusiasmo e desiderio di lasciare un segno.

Oggi inizio così, con ottimismo e sicuramente con un sorriso. Ecco perché vi propongo di dare un’occhiata alla collezione e in particolare alle proposte più vibranti dove la fanno da padrone bluse dalle linee morbide, magari strizzate in vita da una cintura per disegnare la silhouette.

Cos’hanno di particolare le camicie, ma anche le magliette più frizzanti? Il colore, anzi i colori!

Tanti, tutti insieme, spesso su fondo chiaro per potersi abbinare davvero con tutto, con i jeans a sigaretta e maxi borse altrettanto allegre e proposte in cromie brillanti come il fucsia e il rosso.

Le superfici sembrano veri e propri quadri dove le pennellate disegnano motivi romantici, lasciando molto spazio al tema floreale, come sempre inno puro alla femminilità.

In primo piano anche i pantaloni che quando sono fantasia, preferiscono l’abbinamento alla t-shirt tinta unita o con una semplice stampa, ma assecondano la verve fantasiosa delle stampe di primavera.

Deliziose le magliette a maniche lunghe con maxi fiori da abbinare anche alla gonna jeans a teli dall’aspetto formale.

Il messaggio è chiaro: un fiore bisogna assolutamente indossarlo e la giornata sarà sicuramente positiva!

mercoledì

16

aprile 2014

0

COMMENTS

Una Pasqua… tutta sprint!

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Novità, nuove, Primavera/Estate, Senza categoria, Stili di vita

Carla Ferroni 16 aprile

 

Ragazze! È Pasqua! Il tempo è abbastanza stabile, a parte qualche folata di vento… La sensazione generale è che la primavera sia bella e che avviata… quindi godiamocela!

Qualcuna riuscirà a fare anche un weekend di vacanza, in tante rimarranno a casa, in famiglia e con gli amici, qualcuna lavorerà? Chissà…

Be’, io ho pensato a ciascuna di voi e per questo fine settimana di festa ho immaginato a un completino facile da indossare, colorato, allegro e adatto a tutte le occasioni. Gita fuoriporta? A pranzo con marito e figli? L’importante è che siate giovani, a qualsiasi età, eleganti e sportive allo stesso tempo.

Anche per me ho scelto questo look, vi piace? Jeans skinny che in questa stagione è ideale perché ripara nel caso non sia ancora caldissimo, sotto una maglietta a fondo chiaro con stampa fiocco, scritte e qualche scintillio, corta se i fianchi lo permettono oppure in qualche altra versione più allungata per coprire gli eventuali punti deboli, ci siamo capite…

E sopra? Un bel cardigan dalla linea scivolata, da indossare aperto, come una giacchina, fantasia con tante belle rose su uno sfondo color corallo. Vivace, molto femminile, raffinato e decisamente primaverile. Per completare il tutto un bauletto capiente in cui mettere tutto quello che serve!

Siete d’accordo con me? Io mi vestirò proprio così e… vi penserò!

Un bacio e soprattutto tanti auguri a tutte voi che mi sostenete sempre con tanto affetto. Buona Pasqua!

giovedì

10

aprile 2014

0

COMMENTS

Ciao Carla, ho bisogno di un tuo consiglio!

Written by , Posted in Carla Ferroni, CHIEDI A CARLA, Curiosità, Novità, Primavera/Estate, Senza categoria, Stili di vita

Chiedi a Carla

Ciao Carla, ho bisogno di un tuo consiglio!

La figlia della mia amica del cuore si sposa il prossimo 5 luglio, vorrei un consiglio su cosa mettere! Io ho una taglia 52 (delle tue),  porto sempre i tuoi pantaloni. Per quest’occasione mi piacerebbe uno dei tuoi mini abiti con sotto un pantalone aderente.

Consigliami tu cosa acquistare, ti prego!!!  (Marzia)

 

Carissima Marzia, è un piacere risponderti! Hai fatto benissimo a scrivermi!
Come avrai visto sul sito le proposte sono tante, di tutti i colori e con tanti abbinamenti. Dipende un po’ dal tuo gusto… io avrei pensato a questo tubino bicolore, completato dalla micro giacca abbinata. Il 5 luglio probabilmente farà caldo, ma non se il matrimonio sarà di giorno o di sera.

Certamente l’etichetta prevede le spalle coperte, almeno durante la cerimonia, quindi se anche fosse caldo, un po’ di sacrificio è consigliabile.

Sei sicura di voler coprire le gambe? Nel caso potresti semplicemente allungare la gonna al ginocchio senza indossare un vero e proprio pantalone…

Un altro suggerimento potrebbe essere di acquistare un paio di pantacollant snellenti che contribuiscono a disegnare la figura e, sotto a un miniabito, sarebbero perfetti perché non lascerebbero intravedere pieghe. Al tempo stesso completerebbero la vestibilità.  È fondamentale però che tu trovi la stessa identica tonalità dell’abito, altrimenti rischi un pastrocchio… poi sandalo alto, pochette e via, sarai bellissima!

Che ne dici?

martedì

8

aprile 2014

0

COMMENTS

Una finestra su Timia, un’altra donna, un’altra storia. Vi presento Batat Silimane

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Eventi, Le donne di Timia, Novità, Primavera/Estate, Senza categoria, Stili di vita

Batat Silimane

Buongiorno a tutte!

Prosegue il nostro viaggio in Africa, in questo racconto che vede protagoniste le donne di Timia, in Niger.

Donne come noi che hanno bisogno di una mano per imparare un mestiere e costruire, un passo alla volta, la loro indipendenza economica e dare inizio al loro riscatto sociale. Vi ho già dato notizia, su questo stesso blog, del mio personale coinvolgimento in questo progetto, volto a sostenere dieci donne nel loro cammino di emancipazione attraverso le tecniche di sartoria. Periodicamente vi darò notizie e aggiornamenti sugli sviluppi e le conquiste delle nostre amiche africane attraverso interviste e testimonianze dirette. Ci tufferemo in un mondo di colori, nell’atmosfera magica dell’Africa, ma soprattutto nella vita di queste donne meravigliose. Ecco la storia di Batat Silimane:

Batat ha 31 anni e uno sguardo dolcissimo. È sposata con un autista e ha due bambini, un maschio di sei e una femmina di un anno.

Gestisce una piccolo spaccio per la vendita di prodotti alimentari. Dopo la formazione fatta nella prima fase del progetto, Batat ha portato la macchina da cucire nella sua bottega e ha iniziato la sua attività di produzione e vendita di vestiti.

Se prima aveva grosse difficoltà nella sua attività perché le capitava di non avere i fondi per comprare i prodotti da rivendere, grazie all’attività sartoriale è in grado da un lato di acquistare i tessuti e i prodotti per la sua bottega,  dall’altro di risparmiare un po’ di denaro da destinare agli studi dei suoi figli.

Batat è entusiasta della ripresa del progetto e anzi, suggerisce di organizzare il training in due momenti della durata di tre mesi ciascuno con un esame alla fine di ogni fase. Suggerisce anche, per il futuro, la possibilità di aprire un atelier dove tutte le donne coinvolte, insieme, possano lavorare e vendere i loro prodotti.

Ha ragione Batat, unite si è più forti! Un motivo e una spinta in più per aiutare queste donne coraggiose e piene di energia.

giovedì

3

aprile 2014

0

COMMENTS

Social-T-shirt! Un mondo coloratissimo di disegni e fantasie

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Novità, Primavera/Estate, Senza categoria, Spazio giovani, Stili di vita

T-shirt Carla FerroniMi sono divertita un mondo a farle! Le T-shirt che da questa primavera in poi impazzeranno in bella vita o come top da indossare sotto giubbini, golf e micro bomber sono davvero spettacolari!

Lasciatemelo dire: coloratissime, riproducono immagini e paesaggi che fanno pensare a un vero e proprio quadro. Sarà come indossare una pittura che, credetemi, non vi lascerà passare inosservate!

Immagino già i commenti di chi vi incontrerà per strada e immediatamente verrà attratto da quel viso ritratto sulla vostra maglietta, cercherà di leggerla  e interpretarla. Quasi quasi le ribattezzerei social-T-shirt, perché sono convinta che pur non avendo particolari messaggi da lanciare, avranno questo divertente effetto comunicativo.

Sono in cotone, fresche e molto facili da portare, sui jeans, ma anche sulle gonne e addirittura abbinati a soluzioni  “serie” e avranno la forza di renderle sportive e molto alla moda. Avete già scelto la vostra?

Se non le avete ancora viste, ce n’è una bella carrellata proprio qui sul sito alla voce Collezioni/Novità. Buona visione!

mercoledì

26

marzo 2014

0

COMMENTS

Vedo-non-vedo…Mise di classe che uniscono semplicità e ricerca

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Novità, Primavera/Estate, Senza categoria

 

A dispetto dei giorni incerti che alternano pioggia, sole e un po’ di vento, la primavera c’è comincia a far sentire i suoi profumi e a mostrare i suoi colori.

La primavera è anche il tempo delle cerimonie, per qualcuno di matrimoni o altre occasioni importanti che ci vedono eleganti, in perfetto ordine e possibilmente alla moda. Per raggiungere l’obiettivo non sempre servono grossi capitali e chissà quale impegno.

Come dico spesso la semplicità rimane l’arma migliore per non sbagliare, se poi all’essenzialità si aggiunge un tocco di personalità e qualche dettaglio originale, il gioco è fatto.

Per questa stagione ho pensato a questi due miniabiti che pur offrendo una silhouette assolutamente “easy”, giocano con il vedo-non-vedo di raffinato pizzo che abbinato al sottoabito a contrasto (bianco) crea un effetto originale, decisamente elegante, molto bon ton e al tempo stesso moderno.

Trasparenze delicate e motivi che si intrecciano per delineare sul corpo movimento e fantasia. Alternanza di chiaro e scuro per non essere mai troppo cupe e patchwork di disegni che donano alla più semplice delle mise carattere e femminilità.

Il tutto si può completare con giacche, mini bomber oppure scialli avvolgenti, accessori ad hoc, come pochette e sandali alti, che ne dite?

martedì

18

marzo 2014

0

COMMENTS

La storia di Fatimata, una “donna di Timia” che ha preso parte al progetto

Written by , Posted in Carla Ferroni, Curiosità, Eventi, Novità, Stili di vita

Fatimata Alghoubas 3

 

Eccomi di nuovo qui a parlarvi delle donne di Timia in Niger e del progetto che mi vede coinvolta attivamente nel sostegno alla loro introduzione al lavoro di sartoria.

Aderendo a questa iniziativa vorrei contribuire a dare a queste donne una possibilità di riscatto nella loro difficile realtà, aiutandole a realizzare il sogno di un a piccola, ma utilissima attività in autonomia.

Volete saperne di più? Leggete questa intervista realizzata da Anna, operatrice della Organizzazione Umanitaria Bambini nel Deserto

Racconta di Fatimata Alghoubas e di come il progetto le stia cambiando la vita.

Anna: Ciao Fatimata. Sono Anna di Bambini nel Deserto. Raccontami di te!

Fatimata: Ho 32 anni, sono sposata con un giardiniere di Timia e ho un bambino di un anno e mezzo.

Anna: Cos’hai imparato con la formazione fatta un anno e mezzo fa?

Fatimata: Ho imparato a tagliare e cucire. Guarda, il vestito che indosso l’ho fatto io!

Anna: Brava! E adesso cosa vorresti imparare?

Fatimata: Vorrei imparare la broderie (tecnica con cui si cuciono i vestiti per gli uomini). Qui a Timia nessuno è capace, ma se io e altre potessimo imparare, potremmo vendere i vestiti qui nel villaggio, al mercato di Tefarout o nei villaggi vicini.

Anna: Come utilizzi il ricavato della vendita dei vestiti?

Fatimata: Adesso lo divido in tre. Un terzo lo utilizzo per sostenere la mia famiglia, un terzo per acquistare stoffe, olio per la macchina e prodotti per cucire e un terzo lo risparmio per investire in una nuova macchina quando questa sarà vecchia. Riesco a guadagnare fino a 2000CFA al giorno (lo stipendio mensile di un insegnante è di 70000CFA)

Anna: Quali sono i problemi che riscontri nella tua attività?

Fatimata: Il problema maggiore è l’acquisto dei prodotti ad Agadez. Sono cari e difficili da trovare. Sarebbe bello avere una nostra bottega qui a Timia e fare uno stock di acquisti. Le donne potrebbero venire, scegliersi le stoffe e commissionarci i lavori.

Anna: Pensi che un nuovo ciclo di formazione di 6 mesi potrebbe esserti utile? Come si potrebbe organizzare?

Fatimata: Sì certo! Potrei perfezionarmi e imparare a cucire come le sarte di Agadez e Niamey! Secondo  me 6 mesi tutti di seguito sarebbero utilissimi, in modo da dare il tempo anche a chi rimane indietro di recuperare e imparare.

Anna:Vuoi dire qualcosa agli amici di BnD in Italia?

Fatimata: Sì, voglio che sappiano che la mia vita è cambiata. Prima stavo tutto il giorno a casa a fare nulla, a chiacchierare con le amiche. Adesso ho la mia attività, le mie amiche vengono a farmi visita e io lavoro intanto che parlo con loro. Sono orgogliosa di dare il mio contributo al mantenimento della mia famiglia. E posso fare dei bei vestiti, alla moda per me.

Anna: Grazie Fatimata! Anche io voglio dirti che per noi di BnD è una grande soddisfazione quando, grazie alle donne come te, i nostri progetti hanno successo! Ar assaghat!